Eurocitro 2009 - Le Mans 14-16 agosto

Grazie a Piero Perosino per le foto e testo

Ed anche l’EUROCITRO 2009 è andato!
Come tradizione, in agosto gli impianti del circuito Bugatti di Le Mans hanno visto svolgersi le giornate di quello che oramai è divenuto l’Appuntamento triennale atteso da molti.
La formula proposta è la solita: tre giorni di full inmersion in una “cittadella citroenistica” articolata in più spazi: area espositiva “ufficiale”, area commerciale, parcheggi “di modello” e campeggi; a complemento sono previsti eventi quali giri di pista “vicini-vicini” delle auto dei partecipanti, serate danzanti e fuochi d’artificio.
Caratteristica di questi megaraduni è la possibilità di vedere davvero un po’ di tutto; oltre alla varietà di modelli, che davvero spazia tra tutta la produzione della marca, la cosa ogni volta colpisce è il vedere macchine “troppo belle” accanto ad altre “troppo brutte”, passando per l’infinita gamma di condizioni intermedie.
Quà veramente la passione è il solo trait-d’union, e le macchine devono saper fare le macchine!
Come sempre il mercatino ha offerto ampia disponibilità di materiale sia nuovo che usato, con possibilità in apertura e chiusura di fare dei buoni affari ravanando tra stock polverosi; la cosa buffa è che diventa sempre più difficile trovare oggetti al prezzo che ci si aspetta: molto spesso la richiesta è esagerata, ma può anche capitare di sentirsi richiedere cifre veramente basse.
Un esempio? C’erano tre parafanghi posteriori DS break, +/- nelle stesse buone condizioni: uno a 350, uno a 300 ed uno a 70 euro!
L’esposizione ufficiale, ubicata in uno spazio chiuso, era dedicata ai 90 anni della marca; di particolare interesse alcuni veicoli “sopravvissuti” a grandi raid, tra cui fascinose autochenilles; tra le IDS, rimarchevole il prototipo DS a 2 tempi.
I numeri ufficiali di questa edizione sono eclatanti: 2646 citroen sono state iscritte, oltre trecento più della passata edizione, superando così anche l’ICCR romano; la percezione presso i parcheggi di modello è però stata di un calo di presenze: quasi mai si sono viste le spianate di auto tutte eguali che in tutte le edizioni hanno generato emozioni e caratterizzato l’evento.
La dinamica dell’Eurocitro è forse un pochettino mutata; l’area destinata a campeggio è divenuta il vero clou della manifestazione; mai come quest’anno svegliarsi all’alba per girovagare tra gli acquartieramenti vedere centinaia e centinaia di citroen cariche di rugiada e scambiare qualche parola con i proprietari è stato gratificante.
In molti si è lasciata l’auto in campeggio per recarsi “alla cittadella” a piedi (2 minuti); solo in occasione dei giri di pista per modello ci sono stati grandi spostamenti di vetture, con conseguenti pienoni nei parcheggi ed intasamenti colossali nella viabilità interna.
Tirando le somme ed esprimendo un giudizio personale, anche questa edizione di Eurocitro ha pienamente risposto alle attese e si è confermata essere la miglior kermesse citroenistica, evento degno di essere atteso con impazienza; la prossima edizione dovrebbe slittare di un anno e svolgersi nel 2013, al fine di evitare sovrapposizione con l’ICCCR, previsto per l’anno prima in Inghilterra.
... E speriamo che le voci di una possibile sospensione delle future citrokermesse internazionali per disimpegno della casa madre non trovino conferma.
Sarebbe davvero un vero peccato.

Giusto per godersi qualche filmatino:
http://www.eurocitro.org/index_archive.html

Ah, dimenticavo; il parafango break da 70 è poi venuto via a 20 euro !


LesDS.it - copyright -